Sabato si svolgerà la prima “GIORNATA NAZIONALE” della campagna referendaria “Libera il lavoro Con 2 Sì – Tutta un’altra Italia”, sui due referendum popolari per il lavoro promossi dalla Cgil per l’abrogazione dei voucher e per la responsabilità solidale in materia di appalti.
Sul territorio nazionale, si svolgeranno presidi e volantinaggi e tutte le Camere del Lavoro realizzeranno iniziative in tutte le città d’Italia.

A Bari, la Camera del lavoro Provinciale e Metropolitana di Bari alle ore 9.30 in Via Argiro (isolato fra via Principe Amedeo e via Dante) un presidio con volantinaggio a sostegno dei referendum sul lavoro, con la partecipazione di delegate, delegati, attiviste e attivisti, esponenti dell’associazionismo, del mondo della cultura, della scuola, della ricerca, dell’arte, dello spettacolo, dello sport.
Nel corso della mattinata, la denuncia di chi viene pagato attraverso l’uso dei voucher e del lavoro povero, intenso, faticoso e mal retribuito degli appalti.

Alle ore 12.00 in punto da Bari, così come da ogni iniziativa si alzeranno in cielo migliaia di palloncini con gli slogan dei due referendum popolari per il lavoro.
La giornata nazionale di mobilitazione servirà anche a sollecitare il Governo a definire al più presto le date del voto referendario e il Parlamento  a discutere la Legge di iniziativa popolare sulla Carta dei Diritti Universali.

Conclusioni di Rossana Dettori, Segretario Cgil Nazionale