Categorie
SINDACATO

Assemblea dei lavoratori dello spettacolo

Oggi si è tenuta l’assemblea dei lavoratori dello spettacolo. In tanti connessi online per analizzare il complicato contesto che il settore culturale culturale vive e per strutturare proposte concrete per provare a scrivere una storia di ripartenza della filiera.

La crescita del nostro Paese non può prescindere dalla produzione di contenuti e dal sostegno a progettualità di stampa artistico/culturale. Sarà importante trovare gli strumenti adeguati per far fronte ad una sfida che non possiamo considerare periferica rispetto alla discussione generale sulla ripartenza dei nostri territori.

Categorie
SINDACATO

Case popolari Noicattaro: ignorare i sindacati è fatto grave!

Ignorare i sindacati è un fatto grave. Protagonista di questo inqualificabile atteggiamento, il sindaco di Noicattaro, che ha rifiutato di incontrare la Cgil in difesa di quei cittadini che più volte lo avevano interpellato per capirci di più sulle graduatorie provvisorie per l’assegnazione delle case di edilizia popolare. Il Segretario della Cgil di Noicattaro Michele Favia, si è fatto portavoce delle istanze degli assegnatari degli alloggi e ha inoltrato i primi di agosto una richiesta di incontro al primo cittadino a cui però è seguito il silenzio. Dopo un mese circa di attesa di chiarimenti mai avuti, la Cgil di Noicattaro ha organizzato un sit-in, dandone comunicazione a Palazzo di città, ma la pec misteriosamente pare sia arrivata solo alla vigilia della protesta. Il sindaco, intervenuto al sit-in ha ribadito ai manifestanti la sua contrarietà a voler parlare con il sindacato che a suo dire merita solo di essere ignorato. Come segretaria della Cgil di Bari, non posso che essere solidale al compagno Favia che incurante di questo atteggiamento del sindaco, continua a schierarsi dalla parte dei deboli e a difendere i diritti dei cittadini di Noicattaro. Gigia Bucci – Segretario generale CGIL Bari

Categorie
SINDACATO

Chiude il Disney store a Bari

Dopo più di 20 anni il prossimo 3 ottobre chiuderà il Disney Store di via Sparano, nel cuore di Bari.Questo è l’ennesimo colpo sferrato al cuore commerciale della città. Questa vetrina del colosso americano, spesso pluripremiata dalla stessa Multinazionale nel corso degli anni con riconoscimenti per i risultati ottenuti grazie al lavoro ed alla professionalità di questo gruppo di lavoratori non più giovanissimo che ha fatto dello store di Bari una icona commerciale per tutta la città, sparisce entro il 4 ottobre senza che i vertici aziendali si siano preoccupati minimamente neppure di cercare una trattativa o di aprire un confronto con il sindacato.

Categorie
SINDACATO

Riders: il ministro ci dica da che parte sta!

UGL firma un accordo separato sui riders con Assodelivery. Un accordo che:✔️ scavalca il tavolo di trattativa che faticosamente da due anni è insediato presso il Ministero del Lavoro.

✔️mancanza di riconoscimento del CCNL LOGISTICA per i RIDERS sottoscritto dalle nostre categorie di riferimento nel 2018 che individua diritti e tutele molto più vantaggiosi per i lavoratori.

✔️arretramento sulle disponibilità fornite al tavolo ministeriale a coglierespecificità e le necessarie flessibilità di settore anche attraverso eventuali percorsi di armonizzazione.

✔️conferma della natura autonoma dei lavoratori, ossia collaboratori occasionali e partite iva.

A questi lavoratori non verranno retribuite malattia, tredicesima, ferie e la maternità; potranno essere licenziati e quando avranno raggiunto il tetto retributivo massimo per le collaborazioni occasionali (5000 euro annui) potranno riconsegnare i loro nuovi dispositivi di lavoro generosamente concessi in virtù di questo accordo.✔️maggiore precarietà e minore retribuzione. Ciò consentirà di continuare a disporre di una manodopera potenzialmente infinita, facilmente sostituibile, e scaricando sui lavoratori il proprio vantaggio fiscale e contributivo. Il Ministero del

Categorie
SINDACATO

Reddito di cittadinanza. Tra lavori utili alla collettività e prospettive future

Sono tante le attività che i destinatari del reddito di cittadinanza potranno trovarsi a svolgere nei prossimi mesi: custodi nelle scuole, ausiliari per il rispetto di giardini e parchi pubblici, impiegati per la catalogazione di pratiche presso il tribunale, … Il contributo in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo, di tutela dei beni comuni verrà determinato anche con il supporto degli specialisti di Porta Futuro. Il Reddito di cittadinanza andrà verificato però ad un anno dalla sua sperimentazione per comprendere se tale misura riuscirà a superare il concetto di sussidio economia che da solo basta per garantire libertà e dignità sociale ai cittadini. Il Reddito di cittadinanza non può essere mera assistenza ma deve trasformarsi in un percorso per accompagnare donne e uomini verso una occupazione. Per raggiungere questo obiettivo da un lato andranno potenziati i servizi, le infrastrutture pubbliche e private con l’obiettivo di creare lavoro e dall’altro andranno implementate le politiche per il lavoro.

Categorie
SINDACATO

Smart working: strumento utile, non la panacea

Lo smart working nasce con una buona dose di propaganda, per rispondere a due esigenze espressamente indicate nella legge, cioè promuovere la competitività e la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Certo, quest’ultima è un interesse dei lavoratori, ma occorre ammettere anche che la competitività è interesse delle imprese. Evitare di parlare di conquiste dei lavoratori. 

La riuscita di questa modalità di lavoro dipende esclusivamente dalle condizioni regolative. Iniziamente le imprese sono state abbastanza scettiche e diffidenti nell’accettare lo smart working e prova ne sono i pochi contratti collettivi aziendali stipulati finora. Oggi la situazione è completamente cambiata perché lo smart working è una necessità utile a mantenere attività la produzione. 

Categorie
SINDACATO

Lavoratori della sanità privata: eroi senza contratto

Firma o sciopero.

Di fronte al vergognoso voltafaccia di ARIS e AIOP, è questa l’unica alternativa per arrivare al tanto atteso rinnovo del CCNL della sanità privata scaduto da oltre 14 anni.

Il mancato adeguamento della retribuzione sta creando ua situazione di grande tensione che si sta sviluppando in tutte le strutture, dove le lavoratrici e i lavoratori non ci stanno a restare senza contratto in un contesto in cui i profitti della sanità privata crescono, le strutture si ingrandiscono e i pazienti aumentano sempre di più.

Prima il flash mob in mattinata poi l’incontro dei sindacati con i vertici regionali, cui si chiede di assumere una posizione netta a a sostegno dei lavoratori.

I dipendenti della sanità privata premono perchè, nello stallo di un rinnovo del contratto di lavoro atteso da 14 anni vengano messi in discussione gli accreditamenti delle strutture che si oppongono nonostante sia stato già raggiunto un accordo per garantire più risorse al sistema della sanità privata così da compensare il 50% dell’aumento del costo contrattuale.

La scelta di Aris ed Aiop è vergognosa, perpetrata sulla pelle di tutti i professionisti della sanità privata, definiti eroi quando si tratta di fare profitto e poi negati di ogni diritto

Categorie
SINDACATO

Occupazione femminile – sportello virtuale d’emergenza

La crisi sanitaria penalizza, ancora una volta, l’occupazione femminile, che rischia un nuovo “passo indietro”, risultando molto complessa, per le donne, la conciliazione vita-lavoro aggravata dalla chiusura delle scuole dal 5 marzo e con ancora troppe incertezze all’orizzonte.
Il tema è estremamente delicato, visto che già nel nostro territorio il tasso di occupazione femminile al 29%,oltre 30 punti in meno rispetto al tasso di occupazione maschile.
In questi mesi il blocco dei licenziamenti fino al 17 agosto ha arginato in parte il problema occupazionale ma siamo alle porte di una situazione che potrebbe aggravarsi e causare importanti passi indietro soprattutto per le conquiste sul territorio dell’occupazione femminile.
Per questa ragione abbiamo deciso di lanciare uno sportello virtuale finalizzato ad accogliere situazioni di problematicità per offrire assistenza in casi di licenziamento e dimissioni di lavoratrici del nostro territorio.

Siamo sempre al fianco dei lavoratori con i nostri servizi e sportelli in ogni situazione di problematicità legata alla loro vita lavorativa. Oggi abbiamo però sentito l’esigenza di attivare un canale d’emergenza specifico per tutte quelle lavoratrici che oggi si ritrovano a correre il rischio di dover scegliere tra vita privata e lavoro, a vedere ridimensionati percorsi, ambizioni e risultati conquistati con fatica in un mercato del lavoro che ancora ha bisogno di rafforzare i diritti e le possibilità per le donne.


Al link in allegato potrete compilare un form nel quale descrivere la vostra situazione specifica. Sarà urgenza di CGIL Bari ricontattarvi per offrirvi assistenza e consulenza legale: gli ammortizzatori sociali, gli strumenti della conciliazione e le tutele previste dallo statuto sono ancora le possibilità più preziose per salvaguardare preziosi posti di lavoro e la continuità occupazionale.

Categorie
SINDACATO

Contagio da Covid-19 – denunciare è un tuo diritto

Il contagio da Covid-19 è un infortunio sul lavoro. Denunciarlo è un tuo diritto.

E’ possibile rivolgersi agli uffici dell’Inca per avere tutta l’assistenza necessaria, ricordando che il sistema di protezione antinfortunistico vigente prevede un indennizzo economico per i periodi di non lavoro e soprattutto la valutazione degli eventuali postumi provocati dal virus.

Puoi scrivere a tutela.covid@inca.it

Categorie
SINDACATO

Festa di tesseramento ANPI

I valori antifascisti alla base della nostra azione.
Ogni giorno è importante rinnovare il nostro impegno.

Oggi a Zona Franka per la festa di tesseramento dell’ANPI con il coordinamento Antifascista.